TAROCCHI DI DANTE - Approfondimenti
 

Ho ricevuto, tramite e-mail, numerose richieste di spiegazioni sul progetto che sta alla base dei Tarocchi di Dante. Perciò ritengo di fare una cosa gradita agli estimatori di questo mazzo fornendo indicazioni più precise sulla sceneggiatura da me creata per l’eccellente artista Andrea Serio, che ha dipinto il mazzo. 
In realtà esiste già un manuale molto dettagliato (94 pagine, illustrato) impaginato presso il centro grafico delle Edizioni Lo Scarabeo di Torino, ma non si sa ancora quando questo libro verrà messo in commercio. Così, d’accordo con l’editore, anticipo qui il piano dell’opera e altre informazioni sulle singole carte.

 
INDICE DEL MANUALE
 

CAP. 1
Presentazione …………………………………………… di Giordano Berti
– Innovazioni nei Tarocchi di Dante
– Note sul “Convivio”
– Note sulla “Divina Commedia”
– Cenni sulla vita di Dante

CAP. 2
Descrizione del mazzo ……………………………… di Giordano Berti
– Note introduttive
– Semi di Mattoni: vita di Dante
– Semi di Fiamme: il viaggio all’Inferno
– Semi di Nuvole: la montagna del Purgatorio
– Semi di Luci: l’ascesa al Paradiso celeste
– I 22 Trionfi: sentieri della vera saggezza

CAP. 3
Note sulla divinazione ……………………………… di Greta Bonidori
– Premesse
– Sintesi dei significati divinatori
– Un semplice metodo cartomantico

 

 
DESCRIZIONE DEL MAZZO
 

In questo capitolo ho spiegato in ogni dettaglio il contenuto delle singole figure, che sintetizzo qui di seguito.
Al posto del seme di Bastoni ho scelto di mettere i Mattoni come simbolo della vita quotidiana. Le 14 carte di questo seme ritraggono le situazioni e i personaggi che hanno avuto maggiore importanza nella vita di Dante.
Al posto delle Spade, simbolo di guerra e di morte, ho messo le Fiamme, che rimandano all’Inferno e quindi alle punizioni dei peccati. Le 14 carte di fiamme si riferiscono perciò alle cantiche dell’Inferno dantesco.
Ho trasformato i Denari, simbolo dello scambio materiale, nelle Nuvole, che rappresentano situazioni passeggere come lo sono, secondo la teologia cattolica e secondo lo stesso Dante, le punizioni dei peccatori nelle bolgie del Purgatorio.
Al posto delle Coppe, che tradizionalmente simboleggiano i piaceri del corpo e dell’anima, ho messo le Luci, simbolo della perfezione intellettuale e spirituale descritta da Dante nel Paradiso.
Per quanto riguarda le figure dei Trionfi, o Arcani Maggiori, ho cercato di restituire il significato tradizionale rifacendomi al testo del Convivio dantesco, un’opera che sistetizza l’impegno civile, le passioni intellettuali e le tensioni spirituali che segnarono la vita e le opere letterarie di Dante Alighieri.
I riferimenti precisi di ogni figura sono riportati qui di seguito.

BASTONI: “Mattoni” della Vita di Dante
1 di Mattoni = Dante regge nelle mani la Commedia
2 di Mattoni = Gli studi giovanili
3 di Mattoni = Il primo amore= Beatrice
4 di Mattoni - La Corte d’Amore
5 di Mattoni - La cattiva compagnia
6 di Mattoni - Il matrimonio con Gemma Donati
7 di Mattoni = Il grande nemico= Corso Donati
8 di Mattoni = Il papa simoniaco= Bonifacio VIII
9 di Mattoni = Una donna misteriosa= Madonna Pietra
10 di Mattoni = Il grande amico: Cino da Pistoia
Fante di Mattoni = L’ultimo protettore: Guido Novello da Polenta
Cavaliere di Mattoni = Il mecenate: Cangrande della Scala
Regina di Mattoni = La moglie dell’imperatore: Margherita di Brabante
Re di Mattoni = Il re del mondo: Arrigo VII

SPADE: “Fiamme” dell’Inferno
1 di Fiamme = L’entrata all’Inferno (I,61) 
2 di Fiamme = Caronte traghetta i dannati (III,84-85)
3 di Fiamme = L’incontro con Virgilio (IV,39). 
4 di Fiamme = Il giudice infernale: Minosse (V,25).
5 di Fiamme = Gli adulteri: Paolo e Francesca (V,103)
6 di Fiamme = Il tremendo guardiano: Cerbero (VI,16-18)
7 di Fiamme = La bolgia dei suicidi (XIII,37 sg.)
8 di Fiamme = Simoniaci e indovini (XIX, 52-87 e XX,114-120)
9 di Fiamme = Alichino e Barbariccia (XXII, 139)
10 di Fiamme = La bolgia dei ladri (XXIV e XXV).
Fante di Fiamme = Ulisse e Diomede (XXVI,119-20)
Cavaliere di Fiamme = Bertrando di Born (XXVIII, 134)
Regina di Fiamme = Mirra: l’amante incestuosa (XXX,37-41) 
Re di Fiamme = Lucifero (XXXIV,28 sg.)

DENARI: “Nuvole” del Purgatorio
1 di Nuvole = Il celestial nocchiero (II,22-49).
2 di Nuvole = Manfredi di Svevia (III,103-145)
3 di Nuvole = La valle fiorita (VI,58 sg.)
4 di Nuvole = Il Tentatore cacciato dagli angeli (VIII,94-106)
5 di Nuvole = Purificazioni: l’angelo delle sette P ( (IX,112)
6 di Nuvole = La bolgia dei superbi (XI,100).
7 di Nuvole = Gli invidiosi (XIII,109-154). 
8 di Nuvole = Gli iracondi (XVI,46-145). 
9 di Nuvole = Gli accidiosi (XVIII,97). 
10 di Nuvole = La femmina balba (XIX,1-31) 
Fante di Nuvole = Gli avari e i troppo prodighi (XX,1 sg.)
Cavaliere di Nuvole = Matelda: la custode dell’Eden (XXVIII, 1 sg.)
Regina di Nuvole = Beatrice: la guida celeste (XXX,40-54)
Re di Nuvole = Il Gigante e la sua concubina (XXXII,103-160)

COPPE: “Luci” del Paradiso
1 di Luci = La Gloria Divina (Paradiso I,1-9).
2 di Luci = Cielo della Luna: suor Piccarda e Costanza d’Altavilla (III,34-130)
3 di Luci = Cielo di Mercurio: l’imperatore Giustiniano (VI,1-142).
4 di Luci = Cielo di Venere: Cunizza da Romano (IX,31-36). 
5 di Luci = Cielo del Sole: gli spiriti dei beati (X,91-148)
6 di Luci = Cielo di Marte: Cacciaguida (XV,37 sg.)
7 di Luci = Cielo di Giove: l’aquila della giustizia (XIX,1 sg.).
8 di Luci = Cielo di Saturno: san Pier Damiano (XXI,1 sg.)
9 di Luci = Le Stelle fisse: Cristo (XXIII,19-43)
10 di Luci = Le schiere angeliche (XXIII,103-108)
Fante di Luci = Adamo: il “padre antico” (XXVI,80-142)
Cavaliere di Luci = San Bernardo (XXXI,1 sg.)
Regina di Luci = La Vergine Maria (XXXII,1 sg.).
Re di Luci = La Luce Eterna (XXXIII,121)

TRIONFI: Idee derivate dal Convivio
0 = Stato di Necessità (I,I sg.)
I = Capacità dell’Intelletto (IV,XXI)
II = Dubbi della Filosofia (III,XI)
III = Desiderio di conoscenza (III,XIV)
IV = Abilità di Governo (IV,I sg.)
V = Virtù di Speranza(III,XIV e IV,XXI)
VI = Sentimenti d’Amore (II,XV e III,XII)
VII = Senso di Direzione (III,II)
VIII = Virtù di Giustizia (IV,IX ; IV,XVII ; IV,XXVII)
IX = Virtù di Prudenza(IV,XVI)
X = Buona o cattiva Sorte (IV,XI)
XI = Virtù di Fortezza (IV,XVII)
XII = Virtù di Carità (IV,XXI e XXIII-XXIV)
XIII = Dolcezza della Morte (IV,XXVIII)
XIV = Virtù di Temperanza(IV,XVII e XXII)
XV = Gerarchia delle Potenze angeliche (II,XIII ; II,IV-V)
XVI = Gerarchia delle Virtù angeliche (II,XIII)
XVII = Gerarchia dei Troni angelici (II,V e XIII)
XVIII = Gerarchia degli Angeli superiori (II,V e XIII)
XIX = Gerarchia delle Dominazioni angeliche (II,XIII)
XX = Gerarchia degli Arcangeli (II,V e XIII)
XXI = Gerarchia dei Principati (II,XIII)

 

 
SINTESI
 
Concludo queste anticipazioni con una bellissima frase di Dante capace di riassumere la filosofia che sta alla base della mia ricerca:
“... non v’accorgete voi che noi siam vermi
nati a formar l’angelica farfalla,
che vola a la Giustizia sanza schermi?”

Purgatorio X, 124-126
PAROLE NON MIE
 

(…) I Tarocchi di Dante sono un mazzo artisticamente interessante. (…) Le figure “fiammeggianti” e surreali di Andrea Serio non sarebbero fuori posto in un museo o in un ristorante chic. 
(…) Le immagini dai colori brillanti somigliano a gioielli sfaccettati appoggiati su uno sfondo scuro. Se questo fosse semplicemente un mazzo artistico, ci passerei sopra rapidamente; ma è molto di più, e merita di essere esaminato alla luce di tutti i suoi attributi. 
(…) Penso che quest’opera d’arte sia essenziale per i collezionisti di Tarocchi e che il soggetto la rende altamente desiderabile per gli appassionati degli scritti di Dante Alighieri.


Estratto dall’articolo scritto da Diane Wilkes nel website «Tarot passages»
(http://www.tarotpassages.com/dante-dw.htm)

 
(…) Comprendere la Divina Commedia di Dante può aiutare a capire e ad apprezzare profondamente il “viaggio del Folle”. Se i Tarocchi di Dante non facessero altro che invitarti a prendere questo sorprendente poema e incollarti a lui fino alla fine, questo sarebbe già un immenso favore. Come puoi non imparare da uno dei grandi “Eroi del Viaggio”?
(…) I Tarocchi di Dante (…) raccontano di nuovo una delle più grandi storie.
(…) E’ una visuale sbalorditiva, e anche il più ardente purista sarà soddisfatto di queste immagini, che sono assolutamente fedeli alla storia. Come puoi non volere avvicinare queste bellissime carte ai loro corrispondenti canti: meravigliosi, eloquenti, mozzafiato? Amorevoli parole, amorevoli immagini. Che perfetto trattenimento per la mente e per l’anima!

Estratto dall’articolo scritto da Paula Gibby nel website «Tarot passages»
(http://www.tarotpassages.com/dante-dw.htm)