CORSO DI SIMBOLISMO MAGICO

PREMESSE

Tutti ci esprimiamo per mezzo di simboli, tanto nel linguaggio parlato quanto nelle diverse attività quotidiane, sia durante il sonno.

I gesti di saluto, gli spot pubblicitari, i sogni, la segnaletica stradale, insomma ogni oggetto, idea o azione nasconde in sé una forma simbolica, tanto da poter affermare che i simboli sono il telaio su cui si reggono i pensieri, i desideri e il comportamento umano.

Capire il linguaggio dei simboli, dunque, significa comprendere meglio se stessi e il prossimo, come dimostrano la psicoanalisi, la psicologia della comunicazione non verbale, la programmazione neurolinguistica e l’analisi transazionale.

Conoscere l’uso dei simboli serve a raffinare un modo di comunicare che, pur essendo presente e attivo in ciascuno di noi, rimane sconosciuto e indecifrabile se non si possiedono almeno le basi teoriche.

Di più, la comunicazione simbolica agisce in modo profondo sull’osservatore inducendo emozioni e sentimenti di vario genere.

Tuttavia le strategie non verbali non vanno considerate veri strumenti magici, dato che dall’azione comunicativa sono totalmente escluse le credenze superstiziose ma anche gli elementi rituali e qualunque tipo di concezione metafisica.

Su tali presupposti si fonda il presente corso di “simbolismo magico”, che non è un corso di magia, anche se di magia si parlerà molto; in realtà stiamo parlando di lezioni di iconologia esoterica.


I SIMBOLI: SIGNIFICATO E LIVELLI DI APPLICAZIONE

Dopo un’introduzione dedicata ad archetipi e modelli primitivi, si entra nel vivo dell’argomento mostrando l’uso dei simboli magici nell’arte, sia religiosa sia profana: dalle pitture rupestri alle grandi civiltà classiche, dall’edilizia medievale alla pittura rinascimentale, per giungere ad alcune moderne correnti artistiche, in particolare simbolisti, surrealisti e nuovi visionari.

Inoltre, nel corso delle lezioni, si affronta l’analisi di particolari insiemi simbolici, come le allegorie dei Tarocchi, i segni astrologici, gli emblemi alchimistici e i sigilli talismanici.

Di questi insiemi vengono indicati i significati originari e le mutazioni introdotte nel corso del tempo, nonché i possibili usi e i presunti poteri che hanno spinto a inserirli in grandi cicli pittorici riscontrabili ancor oggi in molte chiese, palazzi pubblici e nelle mappe di fortezze e di città.

Sono riassunti qui di seguito, molto sommariamente, gli argomenti principali trattati nel corso di 48 lezioni, divisibili in un corso biennale o comprimibili in un corso annuale. Ogni lezione è accompagnata dalla proiezione di 35 diapositive.

ARGOMENTI DEL CORSO

I fondamenti del simbolismo

Forme geometriche, numeri, colori, elementi naturali, aspetti del paesaggio. Divisione dei “regimi simbolici”: notturno-lunari, diurno-solari, teriomorfi-animaleschi, ascensionali, ciclici, e così via.

La struttura simbolica del cosmo

L’albero come specchio dell’universo, l’universo come corpo magico, il corpo come riflesso dell’universo. Il tempio come imitazione del cosmo.

Il simbolismo astrologico

Rapporti con la mitologia greca, egizia e babilonese. Uso delle immagini astrologiche nell’arte e nella magia. Funzione talismanica di edifici sacri e di palazzi pubblici.

Il simbolismo talismanico

Tipologia dei talismani nelle diverse civiltà. Analisi dettagliata dei modelli principali. Forme talismaniche in alcune opere d’arte.

Le azioni simboliche

Il gesto come comunicazione e come azione subliminale. Gli alfabeti magici, la scrittura e il disegno: storia, significati  e utilizzazioni.

Gli Arcani Maggiori dei Tarocchi

Notizie storiche e analisi generale. Studio dettagliato delle allegorie e decifrazione degli elementi simbolici. I tarocchi nella letteratura e nell’arte moderna.

Il simbolismo alchimistico

Notizie storiche e presentazione delle allegorie fondamentali. Rapporto fra arte e alchimia. Analisi di alcuni insiemi: “De Lapide Filosofico”, “Splendor Solis”, “Tesoro ermetico”.

Ritorna a Corsi

Webmastering by
giallovivo